Indietro

"Attenzione al rischio di classi pollaio"

Una classe (Foto di repertorio)

A porre l'accento su questa possibilità è il Partito di Rifondazione comunista con alcuni esempi alla mano. Presentato un ordine del giorno

PIOMBINO — Il Partito della Rifondazione Comunista ha presentato un ordine del giorno per porre l'attenzione su rischio di formazione di classi sovraffollate a scuola.

"La scuola italiana è in una situazione estremamente critica a causa di decenni di tagli, operati da tutti i Governi succedutisi negli ultimi decenni, che hanno visto protagonisti tutti i maggiori partiti presenti in Parlamento. Tali tagli di personale e di risorse hanno portato alla creazione di classi sovraffollate, alla riduzione dell’organico di personale docente ed Ata, all’impoverimento dell’offerta formativa di tutte le tipologie di Istituti, a una inadeguatezza dell’edilizia scolastica e della messa a norma degli edifici. - hanno spiegato - Il fenomeno del sovraffollamento delle classi, problema gravissimo con conseguenze drammatiche su didattica, inclusività e sicurezza nelle scuole, assume connotati ancora più preoccupanti nell’attuale fase di emergenza Covid, rendendo impraticabile il rispetto del distanziamento, una delle norme fondamentali per il contenimento dei contagi da Coronavirus". 

"Nonostante la Ministra Azzolina abbia in più occasioni pubbliche promesso di attivarsi per l’eliminazione del fenomeno del sovraffollamento delle classi, - hanno aggiunto - in questi giorni gli Ambiti Territoriali Provinciali, ex Provveditorati, stanno comunicando agli Istituti, soprattutto di Primo e Secondo grado, tagli e accorpamenti di classi, addirittura aumentando il numero delle classi pollaio. Nel territorio di Piombino, secondo quanto riferito da rappresentanti di sindacati di base, in conseguenza dei tagli che sta operando l’Ambito Territoriale, si verranno a formare alcune classi con circa 30 alunni, di cui alcuni in possesso di certificazione 104 e disturbi di apprendimento". 

"Ciò è contrario alla normativa scolastica, oltre che al buon senso. - hanno commentato - In pratica, contrariamente alle dichiarazioni propagandistiche della ministra, il Ministero sta approfittando dell’emergenza per ridurre classi ed organici. Contemporaneamente, invece di investire nell’adeguamento e nella messa in sicurezza degli istituti statali, tramite il Decreto Legge Rilancio, il Governo ha quasi raddoppiato il finanziamento previsto per le scuole private, portandolo a 150 milioni di euro, contrariamente a quanto previsto dall’art. 33 della Costituzione. Il Partito della Rifondazione Comunista di Piombino, coerentemente con il proprio programma elettorale, ha riproposto un ordine del giorno per impegnare la giunta comunale e il sindaco ad opporsi alla formazione di classi sovraffollate".

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it