Indietro

Pd e Con Anna smentiscono la Lega punto per punto

Anna Tempestini, consigliera del gruppo Con Anna per Piombino

La Lega rivendica l'intermediazione sui rapporti nel mondo balneare. Pd e Con Anna: "Dimostrano di non avere alcuna competenza della materia"

PIOMBINO — "Il gruppo della Lega di Piombino è apparso recentemente con un comunicato nel quale rivendicano un ruolo sommerso, invisibile ma strategico, nella gestione dei rapporti con il mondo balneare teso alla risoluzione dei problemi legati all'estensione delle concessioni al 2033, la riduzione dei canoni dovuti alla società Parchi Val di Cornia e la redazione del nuovo piano collettivo di salvamento, del quale il sindaco Ferrari ha inteso fregiarsi in questi giorni. Partiamo da quest'ultimo, giusto per ricordare che il piano di salvamento con estensione della sorveglianza balneare anche alle spiagge pubbliche, che è stato il fiore all'occhiello del Comune di Piombino, venne introdotto all'epoca della giunta Anselmi, ed ha contribuito al conseguimento della bandiera blu". A ricordarlo sono i gruppi consiliari Pd e Con Anna per Piombino rispondendo al contenuto del comunicato della Lega che riportiamo.

"Il ruolo che ha avuto in questo caso sullo specifico argomento è stato determinante in una situazione oltretutto aggravata da circostanze negative ed avverse. - si legge nel comunicato della Lega firmato dal commissario Sergio Tascini e dal vice Gianmarco Mancini - Tale ruolo potrebbe definirsi come quello di facilitatore, essendo riusciti a far dialogare le parti interessate in condizioni negativamente influenzate dalle varie congiunture, mancato rinnovo/estensione delle concessioni demaniali, uscita dalla crisi dell’evento catastrofico dell’ottobre 2018, vacanza della dirigenza dell’ufficio Demanio e non per ultima l’emergenza sanitaria. In questo scenario sicuramente non favorevole anche ai rapporti tra le parti, i rappresentanti dei balneari sono stati accompagnati nel loro cammino agevolandone il dialogo con i soggetti attori. Ricordiamo ad esempio i primi incontri con il sindaco, grazie ai quali sono stati individuati i percorsi da seguire, con l’assessore Gelichi, con il dirigente Favali. Azioni queste che non sono state fondamentali, ma sicuramente propedeutiche al raggiungimento dell’ottimo risultato. La Lega ha prestato sin da subito un’attenzione particolare alla questione dei balneari e delle imprese turistiche, non limitandosi a segnalare le criticità e le problematiche ma anche proponendo soluzioni ed idee, anche innovative, al fine di valorizzare e favorire lo sviluppo di questo settore strategicamente importante per il nostro territorio. La Lega non si accontenta del risultato ottenuto ad oggi, pur nella sua valenza rappresenta solo uno degli obiettivi che si era prefissa. A tal proposito vogliamo mettere in evidenza che sta conducendo un’importante operazione di mediazione tra i balneari e la società Parchi al fine di dirimere anche le questioni legate ai canoni. Anche in questo caso non si fa solo portavoce di una o dell’altra parte ma fungendo da collante cerca di trovare soluzioni soddisfacenti finalizzate sia all’ottenimento di un riequilibrio dei canoni demaniali, sia all’eventuale incremento dei proventi a favore della partecipata".

Per i gruppi consiliari Pd e Con Anna per Piombino il discorso non quadra. "Il gruppo Lega Piombino, dimostrando peraltro di non avere alcuna competenza e conoscenza della materia, nel proprio comunicato parla di vacanza dell'ufficio demanio?!, dimenticando che il piano collettivo di salvamento non lo ha mai gestito l'ufficio demanio, ma il servizio ambiente nell'ambito del procedimento relativo alla bandiera blu. - puntualizzano dall'opposizione - Per quanto riguarda poi l'estensione delle concessioni al 2033 voluta e disposta con la legge finanziaria dal loro Ministro Centinaio, la applichino, come del resto promesso anche dal sindaco Ferrari ai balneari in campagna elettorale. Ma dove il gruppo Lega Piombino esprime il massimo di sé è quando si fregia di svolgere un lavoro mirato alla riduzione dei canoni con la società Parchi Val di Cornia". 

"Qui la verità rivendica vendetta. - proseguono Pd e Con Anna - La riduzione dei canoni demaniali del 30 per cento fu una decisione assunta dalle precedenti amministrazioni in accordo con la Società Parchi nell'ambito di tre delibere, opere di ingegneria giuridica, che oltre a ridurre il canone, consentirono di agganciare le concessioni alle proroghe di legge, senza le quali gli ambiti di servizio sarebbero andati a gara già dal 2014, ed è grazie a quei provvedimenti che oggi gli stessi ambiti di servizio possono continuare a godere della proroga al 2033, sempre che il sindaco Ferrari e la Lega si decidano a dare attuazione alla legge che il loro Ministro ha approvato".

"Al contrario - concludono Pd e Con Anna - questa Amministrazione ha tolto ai balneari la riduzione del 30 per cento che le precedenti amministrazioni avevano attuato. Oramai è un anno che governano e siamo ancora alle chiacchiere e propaganda, nel frattempo i cittadini stanno ancora aspettando il cambio marcia".

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it