Indietro

Impegno corale per il punto nascita

Il Movimento 5 Stelle in Regione presenterà un testo per un coinvolgimento di tutte le forze politiche. Stella (Fi): “Ha vinto il buonsenso”

PIOMBINO — Anche il Movimento 5 stelle si schiera al fianco dei cittadini che chiedono la salvezza del Punto nascita di Piombino. “Crediamo sia importante preservare la struttura.  – ha spiegato il consigliere regionale Andrea Quartini – Nascere a Piombino dev’essere un diritto: questo chiedono i piombinesi, questo è quel che occorre garantire”. 

Quartini annuncia un atto in Regione. “A breve presenteremo un testo a cui stiamo già lavorando: siamo convinti che un impegno corale e costruttivo di tutte le forze politiche e le istituzioni coinvolte possa portare a una risoluzione positiva della vicenda e riconoscere quello che è anche un sano tema identitario. D’altra parte, tutte le premesse che sono andate ad accumularsi sino a oggi parlano di prese di posizione a tutela del Punto nascita. Penso - ha aggiunto - a quanto dichiarato in passato dall’Azienda sanitaria locale, così come dal governatore della Regione Enrico Rossi. Non vedo dunque quale sia la difficoltà nel dover essere conseguenti con quanto sino a oggi dichiarato. La politica ha il dovere di non tradire le richieste e gli animi dei piombinesi”.

Soddisfazione è arrivata dal consigliere e vicepresidente del Consiglio regione (Fi) Marco Stella che nei giorni scorsi ha annunciato la presentazione di una mozione proprio per il punto nascita (leggi qui l’articolo correlato).

“Alla fine le proteste e la sollevazione di scudi di cittadini, categorie sociali e forze politiche, tra cui il sottoscritto, hanno dato frutto. - ha commentato - E il Punto Nascita dell'ospedale di Piombino non chiuderà. Vogliamo dare credito all'annuncio odierno del governatore Enrico Rossi, e celebrare la vittoria del buonsenso, dei cittadini e del territorio. Noi vigileremo affinché vengano messe in pratica dalla Regione le linee guida che mettano in sicurezza l'attività e le prestazioni del punto nascita, tenendo conto delle criticità. - ha aggiunto Stella - Tutto questo, in attesa di ricevere dal governo nazionale la deroga alla chiusura, per il pieno rilancio dell'attività del punto nascita, che serve tutta l'area piombinese e la Val di Cornia".

“Accogliamo anche noi con soddisfazione la notizia che il punto nascita all’ospedale di Piombino non sparirà. Ora, però dopo l’iniziale sospiro di sollievo, occorrerà, comunque, monitorare attentamente l’evolversi della situazione, verificando che dalle parole si passi a fatti concreti, possibilmente non in tempi biblici”, ha affermato Roberto Biasci, consigliere regionale della Lega.

“D’altronde non sarebbe la prima volta che dalla Regione arrivino notizie confortanti per i cittadini che, poi, magari si risolvono in un deludente nulla di fatto. L’impegno di mantenere il reparto è stato solennemente preso, vediamo, dunque, se e come ci si attiverà per consentire di poter continuare a far nascere i propri figli in città e non in trasferta”.

A mostrare il suo sostegno durante il sit-in in ospedale organizzato dal comitato Lasciateci nascere a Piombino anche il consigliere regionale Gianni Anselmi (Pd).

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it