Indietro

"Addio a quel poco di paesaggio rurale rimasto"

Pannelli fotovoltaici (Foto di repertorio)

La lista civica Lavoro & Ambiente non condivide gli impianti fotovoltaici che potrebbero sorgere nell'area di Bocca di Cornia e Montegemoli

PIOMBINO — "Ancora una volta ci rincresce dover parlare di fonti rinnovabili come un problema per il nostro territorio invece che una soluzione alle fonti energetiche tradizionali. Oltre alla discarica di Rimateria, alla zona industriale e al parco eolico, i pochi terreni coltivati nell’area di Bocca di Cornia e di Montegemoli sono oggi oggetto di due grossi progetti presentati in Comune e in Regione riguardanti la realizzazione di due impianti fotovoltaici a terra da oltre 100mila pannelli che vedono il consumo di quasi 80 ettari di terreno agricolo, l’equivalente di circa 80 campi di calcio, tuttora coltivato e che, se realizzati, toglieranno quel poco di paesaggio rurale rimasto in una zona già da tempo presa di mira dalla Regione Toscana e dalle precedenti amministrazioni".

E' la lista civica Lavoro & Ambiente che torna ad esprimere la sua posizione e preoccupazione circa i progetti presentati per i due impianti fotovoltaici.

"Quali siano state le ragioni per cui la Regione Toscana abbia escluso queste aree da quelle soggette alla tutela, prevista dalla normativa regionale, resta un punto di domanda a cui non troviamo spiegazioni. - hanno aggiunto - Soprattutto la porzione di terreno triangolare compreso tra la SS 398 e il fiume Cornia, ha una notevole importanza anche per molti degli animali presenti nell’Oasi Wwf Riserva Regionale Padule Orti – Bottagone e per molti uccelli migratori e stanziali che usano quell’area come zona di caccia. Inoltre la presenza di abitazioni rurali di pregio intorno alle aree interessate porterà grosse svalutazioni delle stesse una volta che saranno attorniate da una così imponente distesa di pannelli fotovoltaici anche perché gli impianti, se approvati, resteranno in loco per 30 anni e i 102.524 pannelli fotovoltaici impiegati saranno un rifiuto da smaltire non indifferente".

"Dispiace molto apprendere che alcuni proprietari terrieri abbiano deciso di vendere i loro terreni alle società proponenti, quei terreni che i loro predecessori resero coltivabili dopo una grande opera di bonifica durata anni, che hanno dato tanto anche a loro stessi e al territorio, ma che adesso lasciano che vengano stravolti, snaturati. - hanno aggiunto - Tra l’altro la diminuzione degli emungimenti dai pozzi Aferpi, presenti in zona, di acqua di falda per l’industria e l’aumento delle piogge di questi ultimi anni hanno portato questi terreni ad una diminuzione del cuneo salino presente rendendoli più fertili".

E concludono: "Diciamo quindi sì al fotovoltaico su capannoni, parcheggi, edifici pubblici e privati, ma non certo ad impianti a terra di grandi dimensioni in aree agricole, che snaturano ciò che resta di un ormai limitato territorio rurale, con tanti saluti alla tutela del paesaggio e alla fauna presente".

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it