Indietro

"La cultura non interessa alla giunta Parodi"

Lo ha detto Suvereto Protagonista che, pur apprezzando l'idea del Museo del vino, ha segnalato lo stato di abbandono degli altri tre musei del borgo

SUVERETO — Si sposta sull'argomento cultura il dibattito politico del borgo di Suvereto. A stuzzicare il gruppo di opposizione Suvereto Protagonista sono state le recenti dichiarazioni del sindaco Giuliano Parodi durante la conferenza di fine e inizio anno durante la quale è stato fatto il punto sui programmi proprio sul fronte culturale.

Primo tra tutti il progetto dedicato al Palazzo della Loggia del quale se ne prevede il recupero per l'apertura al piano superiore del Museo del vino. Di questo se n'era già parlato a marzo 2017 quando il sindaco aveva pensato al museo come il luogo deputato a raccogliere tutto ciò che è la cultura del vino della realtà suveretana, passando dai primi esempi di vitigni di Elisa Bonaparte fino ai metodi più moderni di fare enologia, con tanto di stanze virtuali per ripercorrere la storia e la cultura di Suvereto (leggi qui sotto gli articoli correlati).

Ma per Suvereto Protagonista prima di pensare a nuovi musei da gestire, l'Amministrazione dovrebbe pensare a quelli che ha già.

"Al momento abbiamo 3 musei importanti dal punto di vista storico e artistico. Tre musei che rappresentano e raccontano storie diverse, tutti sistematicamente chiusi. - hanno ribadito dall'opposizione - Il Museo della Rocca, inaugurato a maggio 2014 dalla precedente amministrazione e chiuso a settembre 2014 dall'amministrazione Parodi; il Museo della Bambola che oramai versa in pessime condizioni e che dovrebbe essere risanato; e il Museo di Arte Sacra (della Curia), con il quale non esiste nessun interesse o accordo per la sua costante apertura. Il patrimonio culturale della nostra comunità viene quotidianamente ignorato dalla giunta Parodi ed è lasciato a se stesso, in uno stato di totale abbandono. Persino per la sagra, uno degli eventi più importanti del nostro paese, il Museo della Rocca era inaccessibile".

Proprio nel merito il Pd suveretano aveva presentato una proposta per promuovere un percorso turistico che comprendesse la visita dei tre musei durante la visita del paese con i relativi cenni storici. "Ovviamente cose che sembrano non interessare questa amministrazione, che non pare interessata nemmeno alla riapertura della biblioteca comunale", hanno aggiunto.

E sulla questione biblioteca Parodi aveva già posto l'accento ricordando che pur non esistendo un luogo fisico dove raccogliere tutti i libri, recandosi all'Urp in Comune è possibile fare richiesta di prestito librario. 

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it