Indietro

"Così la diversificazione si costruisce davvero"

Da sinistra: Stefano Ferrini, Sergio Filacanapa, Andrea Fanetti, Daniele Massari

Spirito Libero ha spiegato il perché del sì alla Variante Aferpi. Le critiche sollevate? "Sono chiacchiere pre elettorali o da bar"

PIOMBINO — "Se questa non è vera diversificazione, qualcuno ci spieghi allora di cosa stiamo parlando", parola del coordinamento Spirito Libero che ha contribuito assieme alla Maggioranza all'approvazione della Variante Aferpi.

I motivi che li hanno spinti a votare favorevolmente? L'allontanamento delle aree per l’attività siderurgica dalla città, la liberazione di quelle altre non più necessarie alla siderurgia per destinarle ad attività produttive diverse e non impattanti e il secondo tratto della 398 che non passerà in mezzo all'area industriale per dirne alcuni.

"Non si riesce a comprendere la posizione di certe opposizioni che a parole vogliono la diversificazione, ma che poi si oppongono, nei fatti, ad un atto come questo che la diversificazione la costruisce davvero. - hanno aggiunto dalla lista civica - Certo, tale variante nasce da un piano industriale ormai superato ed irrealizzabile come quello di Aferpi, ma è altrettanto vero che proprio quel piano realizzava obiettivi di pianificazione urbanistica e di sviluppo economico del territorio che noi volevamo e per i quali ci siamo da sempre battuti". 

"Si preferiva lasciare ancora gli impianti siderurgici a due passi dal centro urbano, continuare a prevedere solo per la siderurgia aree retroportuali indispensabili ed appetibili per altre imprese con produzioni ambientalmente non impattanti e che possono creare nuovi posti di lavoro in nuovi settori produttivi? Questa la sostanza, il resto sono chiacchiere. Pre elettorali o da bar. Soprattutto chiacchiere da vecchio Pci/Pds e davvero riesce incomprensibile come possano farle forze come i 5 Stelle o addirittura Forza Italia che si dichiarano avversarie di quella vecchia cultura. Chissà come lo spiegheranno ai loro elettori". 

A rafforzare l'idea di diversificazione la mozione presentata assieme Pd e Sinistra per Piombino, votata favorevolmente anche da Ascolta Piombino, per riuscire a non assegnare ad un unico soggetto tutta l'area industriale ex Lucchini evitando in ogni modo possibile la riaccensione dell'altoforno, stesso ragionamento per le aree demaniali che dovrà assegnare l'Autorità Portuale.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it