Indietro

Sindaci al veleno sulle politiche sovracomunali

Massimo Giuliani, Alessandro Bandini, Rossana Soffritti

Dopo lo scontro a colpi di post consumato tra gli assessori candidati alla segreteria della Federazione, adesso intervengono i sindaci

PIOMBINO — Nella querelle che accompagna il Partito Democratico al congresso di ottobre entrano in ballo anche i sindaci Pd della Val di Cornia che aggiungono un punto di vista rispetto all'urbanistica e alle pianificazioni territoriali intercomunali.

Dopo lo scontro che si è consumato sui social tra l'assessora di Piombino Carla Maestrini e l'assessore di San Vincenzo Massimiliano Roventini, entrambi candidati per la segreteria della Federazione Pd, adesso si schierano i sindaci che già all'indomani delle candidature avevano scelto da che parte stare.

Con la Maestrini ci sono i sindaci Massimo Giuliani e Rossana Soffritti che hanno deciso di intervenire nel merito politico. "Al di là delle ricostruzioni cronologiche e tecniche che crediamo appassionino poco e anche del fatto che una discussione di simili contenuti difficilmente si possa sintetizzare in un post, bisogna chiarire meglio ai nostri iscritti, ai consigli comunali e alle persone che guardano il nostro operato come stanno le cose. - si legge su Facebook - La questione è puramente politica. E' un fatto che l'attuale partito e amministrazione di San Vincenzo fatica molto a mettere tra le priorità della propria agenda le politiche di area. La ricostruzione che ha fatto Carla Maestrini è corretta".

Insomma i sindaci di Piombino e Campiglia Marittima confermano la sensazione espressa dalla Maestrini rispetto a "a una tiepida apertura verso un lavoro comune".

Non tarda ad arrivare, sempre a colpi di post, la visione del sindaco di San Vincenzo Alessandro Bandini che sostiene come il Comune da lui amministrato sia già da qualche anno impegnato in un processo di revisione delle proprie politiche urbanistiche proprio "nell’ottica di recuperare e dare nuova linfa ad una visione strategica sovracomunale".

"Se nel passato la nostra realtà ha evidenziato qualche insofferenza per la pratica del coordinamento degli strumenti urbanistici dei Comuni della Val di Cornia, dovuta più al metodo centralizzato, alla ridondanza burocratica, ai tempi infinitamente dilatati dell’attività dell’allora attivo ufficio di piano comprensoriale piuttosto che ai reali contenuti delle strategie di area vasta, oggi non è certamente così. - ha scritto - E’ bene infatti sapere che il Piano Strutturale del Comune di San Vincenzo, definitivamente approvato nel gennaio del 2016, costituisce l’atto di riallineamento ed insieme di aggiornamento dei contenuti del Piano Strutturale d’Area dei Comuni di Campiglia Marittima, Piombino e Suvereto. I sistemi territoriali e funzionali sui quali è fondato il nostro piano rappresentano l’estensione al territorio di San Vincenzo di quelli del Piano Strutturale d’Area". Anzi, secondo il primo cittadino di San Vincenzo "non solo è attivo nelle scelte strategiche Val di Cornia, ma grazie al lavoro svolto più avanti di altri". 

"Non accettiamo perciò lezioni e tirate d’orecchie, anzi ci premuriamo di far presente che mentre a noi viene chiesto di aderire incondizionatamente a un non ancora ben definito avvio del procedimento di formazione del Piano Strutturale d’Area, c’è chi non si perita a mettere in piedi varianti che destinano a un industriale inadempiente, ettari di area naturale fronte mare e che trasformano strutture turistiche in seconde case a due passi dal golfo di Baratti. Di queste iniziative, e di altri progetti, per carità del tutto legittimi sotto il profilo procedurale, ne siamo venuti a conoscenza dalla stampa. E’ così che vengono intese le politiche d’area vasta per la Val di Cornia?", ha concluso Bandini.


Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it