Indietro

Rifiuti, le accuse rimandate al mittente

Da sinistra: Marco Chiarei e Massimo Giuliani

Sull'incontro a Suvereto relativo al tema rifiuti e alle accuse dell'assessora Pasquini, replicano Giuliani e Chiarei da Piombino

PIOMBINO — "Respingiamo al mittente le accuse mosse da alcuni amministratori del Comune di Suvereto al Comune di Piombino e consideriamo strumentale il fatto che la mancata partecipazione a una riunione venga usata per attaccare Piombino, con una modalità che non aiuta certamente la politica sovracomunale". Non è tardata ad arrivare la replica firmata dal sindaco di Piombino Massimo Giuliani e dall'assessore all'Ambiente Marco Chiarei alle parole della collega di Suvereto Jessica Pasquini (leggi l'articolo correlato).

Se la questione è la sovracomunalità, per Piombino il mea culpa lo dovrebbe fare il sindaco Giuliano Parodi che "ha sempre tenuto pochissimo in realtà, come dimostrano i fatti di questi ultimi anni. - e hanno aggiunto - Nello specifico, durante il primo biennio di attività dell'Aor Val di Cornia, ovvero l’area omogenea che raccoglie i comuni della Val di Cornia all’interno di ATO Sud, tra il 2015 ad oggi, il comune di Suvereto è stato sollecitato più volte a collaborare sulle questioni inerenti il tema dei rifiuti che coinvolge tutti. Tuttavia - hanno sottolineato - solo in rare occasioni vi sono state risposte ad inviti e partecipazioni a riunioni ed incontri, e quando ci sono state, si sono manifestate con una costante diffidenza nei confronti dei colleghi amministratori non solo di Piombino".

Ecco spiegato perché "la generosa offerta di collaborazione mostrata dal Comune di Piombino nei confronti di Suvereto ad inizio mandato si sia affievolita gradualmente in questi anni di lavoro proprio a fronte di un così scarso interesse e fiducia. - e si conclude - Rispettiamo la scelta del Sindaco Parodi di isolare Suvereto in questo ambito territoriale ma, sia chiaro, è una propria volontà e non indotta dagli altri comuni, tanto meno da quello di Piombino".


Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it