Indietro

"Sono mesi che diciamo che il problema è reale"

Foto di repertorio

Dopo la raccolta firme, Lega Nord è intervenuta sulla questione sicurezza. A lasciarli perplessi che l'Amministrazione se ne sia accorta solo ora

PIOMBINO — Il sindaco Massimo Giuliani e l’assessore Claudio Capuano hanno contattato la Prefettura con l’intento di convocare un Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica a Piombino.

La decisione non è passata inosservata alla Lega Val di Cornia che già da tempo aveva segnalato la necessità di agire sul fronte sicurezza in città. 

"Sono mesi che diciamo che il problema sicurezza è reale e che la popolazione si sente abbandonata a sé stessa. - hanno commentato in una nota - Non a caso la nostra raccolta firme dell’estate scorsa, ha visto più di 700 firmatari in pochissimi giorni. - e hanno aggiunto - Ci lascia perplessi invece come se ne siano accorti solo dopo che la vittima di un furto sia stato un ex assessore del solito loro schieramento politico". 

"Nell’ultimo anno, nella nostra città, ci sono stati innumerevoli danneggiamenti e furti all’interno delle auto in sosta, furti in appartamenti, un omicidio, borseggi a persone anziane, oltre ad incendi ai cassonetti nelle varie vie della città e vari atti vandalici a beni privati e pubblici", hanno sottolineato domandandosi come mai l'Amministrazione abbia deciso di agire solo ora chiedendo, in fin dei conti, quello che già nei mesi scorsi era stato chiesto dalla Lega Nord (leggi qui sotto gli articoli correlati).

"Chiedevamo maggiore videosorveglianza con manutenzione periodica delle apparecchiature, un incremento del personale della Polizia municipale con turnazioni che comprendano anche le ore notturne ed infine un incontro con il Prefetto al fine di trovare una soluzione a quello che potrebbe diventare un problema difficilmente risolvibile, visti anche i tagli del personale che gli ultimi governi hanno applicato e tuttora applicano alle forze dell’ordine. - e hanno concluso - Rimaniamo fiduciosi sulla volontà del sindaco e della sua giunta nel trovare un rimedio a questo problema. Che sia la volta buona? Speriamo".

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it