Indietro

Jsw, Rossi: "Serve un cambio di passo"

Provare ad imprimere l'attesa svolta per il rilancio dello stabilimento siderurgico di Piombino. Ma dall'incontro romano emergono poche novità

PIOMBINO — Quello di martedì pomeriggio al Mise in linea generale è stato percepito come un incontro interlocutorio con al tavolo oltre alle sigle sindacali Fim, Fiom, Uilm e Ugl, i rappresentanti dell'azienda con il presidente Virendar Bubbar e il direttore dello stabilimento Mohan Babu, il Comune di Piombino con il sindaco Francesco Ferrari e l'assessora al Lavoro Sabrina Nigro, la Regione Toscana, l'Autorità di sistema portuale e il Ministero del Lavoro.

Tra i primi a render conto dell'incontro il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi che dall'incontro ha riconosciuto l'impegno da parte di azienda e ministero di andare avanti anche se a questo punto sarebbe necessario "imprimere una svolta".

Sul progetto Piombino c'è in ballo anche l'investimento da 30milioni di euro per la realizzazione di una nuova linea di laminatoi per il quale il presidente Rossi si è speso per la stesura di un Accordo di programma regionale (leggi qui l'articolo correlato). Altro punto da affrontare, con Ferrovie dello Stato, è la realizzazione in due anni e non in cinque la linea di binari interna allo stabilimento, per rendere efficiente lo scarico delle materie prime e il carico dei prodotti finiti. 

C'è poi la questione del prezzo dall'energia. Come previsto all'articolo 10 dell'Accordo, deve essere garantito all'azienda di poter disporre dello stesso prezzo che Terna pratica nel resto dell'Italia. 

"Per cogliere questi obiettivi - ha aggiunto Rossi - servono riunioni più operative e tempi più serrati, con incontri pressoché quotidiani di un gruppo ristretto ed autorevole formato da un rappresentante del Mise, uno della Regione e uno dell'azienda. Da questo punto di vista sono disposto ad impegnarmi a partecipare ad un incontro a settimana perché voglio che il progetto arrivi in porto senza arenarsi".

Insomma, Rossi di è detto fiducioso. "Siamo in una fase di svolta - ha commentato - ed é necessario ristabilire a Piombino un clima fattivo e di fiducia, perché i lavoratori sono fiaccati da tanti anni di promesse senza che si intraveda la svolta necessaria". 

A questo punto istituzione e Ministero devono sollecitare l'azienda ad andare avanti coi progetti: quando sarà realizzato il nuovo laminatoio, quando saranno presentati gli studi per il forno elettrico, quando sarà sciolto il nodo energia.

"L'azienda non deve avere alibi che le consentano di dilazionare gli impegni. - ha concluso Rossi - A gennaio ci sarà una importante verifica sull'attuazione degli accordi e non possiamo arrivare a quell'appuntamento portando solo dei se e dei ma".

Intanto, convocata dai sindacati l'assemblea dei lavoratori per fare il punto sull'incontro di martedì pomeriggio al Ministero dello Sviluppo economico sugli sviluppi Jsw Steel Italy (ex Aferpi). L'appuntamento, aperto a tutto il personale, è per mercoledì 10 Luglio alle 11 all'ex Dup.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it