Indietro

Iniziano i saldi tra liquidazioni e rinnovo locali

Foto di archivio

Dal 5 gennaio iniziano i saldi in tutta la Toscana anche se come sottolinea Confcommercio il rito del fine stagione sta accusando un brutto colpo

PIOMBINO — Il 5 gennaio inizieranno i saldi in tutta la regione Toscana e in gran parte delle regione italiane. Termineranno il 5 marzo.

Per la Confcommercio provinciale "ben vengano tutte le occasioni che offrano una boccata d'ossigeno per il commercio cittadino", ma "ci sono però dei problemi. Già con l'uso delle promozioni permanenti, con il black friday e con gli acquisti online, il rito del fine stagione sta accusando un brutto colpo". 

Proprio per questo, secondo Confesercenti Toscana dovrebbero essere rivisti i tempi considerato che "una data così ravvicinata al Natale sia penalizzante per imprese e consumatori".

Le vendite promozionali sono vietate dalla normativa regionale fin dai 30 giorni prima dell'inizio dei saldi. Esistono però una differenza tra saldi, promozioni e liquidazioni, chiarite nel nuovo Codice del Commercio dove si ribadisce che le vendite di liquidazione sono effettuate dall’esercente al fine di esitare in breve tempo tutte le proprie merci in caso di cessazione o dell'attività o di una unità locale, di trasferimento o trasformazione dei locali di vendita, o rinnovo di almeno l’ottanta per cento degli arredi dell’esercizio. Queste vendite, a differenza dei saldi, possono essere effettuate in qualunque momento dell’anno ma deve esserne data comunicazione al Suap con almeno dieci giorni prima dell'inizio e, al termine della vendita di liquidazione, in caso di cessazione il negoziante non può riprendere la medesima attività nello stesso locale se non decorsi centottanta giorni dalla data di cessazione. La liquidazione può durare dalle 4 alle 8 settimane a seconda del motivo della chiusura.

Nonostante questo molti consumatori hanno atteso comunque il 5 gennaio per gli acquisti più consistenti. Secondo una stima di Confesercenti per i saldi invernali 2019 il budget previsto è di 280 euro a famiglia e 122 euro a persona.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it