Indietro

Discarica e referendum, parla il Pd

Bruna Geri

Sulla questione Rimateria l’Unione comunale Pd ha preso la sua posizione. Alle spalle l’incontro col comitato. Spirito Libero? “Pura tattica politica”

PIOMBINO — “Crediamo che questa città abbia bisogno di ritrovare un equilibrio e crediamo che la movimentazione attivata in questi mesi meriti rispetto e considerazione”, parola dell’Unione comunale Pd che in una nota entra nel merito della questione Rimateria dopo le esternazioni in Consiglio comunale.

“Abbiamo sempre sostenuto il progetto Rimateria perché riteniamo che questo territorio abbia bisogno di luoghi e impianti a supporto di quella diversificazione economica tanto citata da molti. Una città che vuole guardare al turismo e alla presenza di impianti industriali meno inquinanti non può non porsi il problema di come gestire i suoi rifiuti. - si legge nella nota - Abbiamo sostenuto attraverso atti che, a nostro avviso, un referendum non sarebbe stato lo strumento per provare ad aggiornare gli obiettivi nell'interesse della città ma un limite che metterebbe a rischio procedure già in atto creando una empasse fino a novembre 2019. Il parere della commissione tecnica ci ha confermato l'inammissibilità dei quesiti”.

Rappresentanti del Partito Democratico nei giorni scorsi hanno incontrato esponenti del Comitato Salute Pubblica. “Come spiegato al comitato e coerentemente con quanto detto, non ci siamo fermati ad un no. Il gruppo Pd di Piombino ha dato mandato al sindaco di farsi portavoce nell'Assemblea dei soci di un elenco di azioni che da subito possono dare risposte alla città sul tema della salvaguardia ambientale e della necessità di riconsiderare alcune scelte alla luce delle novità che la cronaca ci descrive, primo tra tutti la ripresa di alcuni settori della fabbrica e l'inizio degli smantellamenti. Ci dispiace che il comitato non abbia compreso che la nostra astensione al documento delle opposizioni ha permesso il rinvio della cessione delle quote a 60 giorni. Il nostro voto contrario avrebbe impedito tutto questo”.

Il Pd si rivolge anche alla lista civica Spirito Libero che si è distaccata dalla coalizione di maggioranza. “Il confronto dei giorni scorsi con Spirito Libero si è fondato su questi contenuti e la loro posizione sembra portare in sè pura tattica politica, poco comprensibile da una forza di maggioranza che nei due anni precedenti ha votato a favore di tutti gli atti riferiti a questa azienda. Non potevamo promettere ciò che sarebbe stato impossibile mantenere, non esistono referendum condizionati e non ci sembra di meritare giudizi altezzosi rivolti al gruppo, al partito di maggioranza ed irriguardosamente al sindaco che fino ad oggi ha assegnato un ruolo di primo piano ad un esponente di quella forza politica, pur rappresentata da un solo consigliere sugli scranni del consiglio”.

Nei prossimi giorni gli organismi del partito, in tutte le loro rappresentanze, si riuniranno per concordare con il sindaco una linea di azione per arrivare alla fine del mandato e percorsi futuri.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it