Indietro

Aferpi, Ugl non si sbilancia e aspetta fine mese

Entro Febbraio, infatti, dovrebbero vedersi gli effetti delle decisioni prese dall'ultimo incontro al Mise. Timori per i lavoratori

PIOMBINO — Dalla segreteria Uglm provinciale e dalla Rsu Aferpi Claudio Lucchesi non arriva alcun giudizio positivo rispetto al recente incontro al Ministero dello Sviluppo economico. 

"Riteniamo che per farlo siano necessari fatti concreti conseguenti a quanto preannunciato dal ministro Calenda, che saremo in grado di valutare entro fine mese. - hanno ribadito in una nota - Non ci uniamo al coro dei giudizi di Uilm, Fim e Fiom, Giuliani e Rossi perché niente è positivo in questa vicenda".

Insomma, un parere decisamente contrario rispetto a quello esternato dalle altre Rsu e dai rappresentanti politici che hanno visto nelle azioni del ministro l'accelerazione sulla vicenda Aferpi (leggi qui sotto gli articoli correlati).

"Unica cosa certa è che, a distanza di anni , lo scenario che abbiamo di fronte è profondamente incerto. Oggi addirittura si torna a parlare di un possibile interesse di Jindal. Figuriamoci se questi subentrano a Rebrab invece di aspettare il sicuro fallimento, prospettico o meno, pura fantascienza. - ha aggiunto - A nostro avviso sarebbe sbagliato permettere a chiunque si affacciasse di concedere tutto e a qualsiasi condizione pur di trovare una via di uscita magari solo per qualche anno. La stagione dei saldi sulla pelle dei lavoratori e del territorio a Piombino sta iniziando".

Rimane il timore che la storia piombinese finisca nell'indifferenza o che ci si debba rassegnare e accontentarsi.

"Chi, come noi, crede ancora nell'acciaio, ma in un acciaio pulito e come prodotto esclusivo deve vedere oltre. Iniziare a bonificare quelle aree che sono vicine alla città e che potrebbero veramente portare lavoro e diversificazione contemporaneamente. Sulla siderurgia e sulle bonifiche deve intervenire il Governo con progetti, fondi e linee guida vere, non con i proclami sentiti fin ora. - e hanno concluso - Se dobbiamo scrivere una nuova pagina facciamolo nel migliore dei modi e nei prossimi giorni sarebbe utile far sentire la voce di un territorio che sembrerebbe aver perso la voglia di riscrivere il proprio futuro senza una minima contestazione".

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it