Indietro

In fabbrica il lavoro è ridotto al minimo

Atteso l'incontro al Mise per fare chiarezza sulle intenzioni di Rebrab. Intanto l'ad di Aferpi incontra il ministro Calenda

PIOMBINO — Mentre a Roma è previsto l’incontro fra l'amministratore delegato Aferpi Said Benikene e il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda, la situazione della fabbrica a Piombino non è delle migliori.

Seppur non siano emerse particolari novità si è stata decisa una maggiore restrizione possibile del personale, riducendo al minimo il lavoro compreso quello di staff e vigilanza. 

Intanto il treno rotato è ripartito l'11 settembre come annunciato, ma si fermerà tra venerdì e sabato; entro i primi di ottobre arriverà una nave con 11mila tonnellate di blumi per le rotaie per rispettare l'ordine preso dalle Ferrovie dello Stato.

Per quanto riguarda le sorti dell'azienda non è ancora chiaro se Rebrab intenda invidiare un partner industriale o se l'entrata in scena di Jindal determini cambiamenti sostanziali. Previsto per la prossima settima un incontro al Mise, più volte richiesto, al quale dovrebbero partecipare anche le organizzazioni sindacali.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it