Indietro

​Il sindacato: serve una grande mobilitazione

Massimo Lami (Usb)

L'Unione Sindacale di Base: "Non possiamo più vivere nelle incertezze. Dobbiamo opporci e dimostrare con i fatti che è giusto e possibile ribellarsi"

PIOMBINO — Il sindacato: serve una grande mobilitazione

L'Unione Sindacale di Base: "Non possiamo più vivere nelle incertezze. Dobbiamo opporci e dimostrare con i fatti che è giusto e possibile ribellarsi"

Serve una grande mobilitazione. Questo il parere del sindacato USB, Unione Sindacale di Base. "Dobbiamo propone - scrive oggi Massimo Lami - una mobilitazione generale di tutti i lavoratori e le lavoratrici che possa intercettare l’evidente opposizione sociale che sta cominciando a prendere piede nella nostra città. Una mobilitazione che trasformi le perplessità ed i dubbi in certezze che raccolga il dissenso e la rabbia che cresce ogni giorno di più tra i lavoratori, i disoccupati, i precari e i pensionati, Non possiamo più vivere nell’incertezze, e’ stata presa la via del contenzioso ma questo dove ci porterà? Per adesso solo nell’indeterminatezza più assoluta, alla rabbia ma soprattutto al logorio psicologico tra i lavoratori. Questo silenzio ,questo immobilismo fa veramente paura. In questo senso USB propone a tutti i lavoratori e le lavoratrici ( iscritti e non iscritti ai sindacati) di decidere insieme una mobilitazione forte. Non sappiamo ancora come si evolverà nelle prossime ore o nei prossimi giorni e mesi la resa dei conti tra i poteri forti di questo paese. I partiti, che oramai sono in campagna elettorale, fanno a gara a chi la spara più grossa. Non possiamo prevedere se si instaurerà di nuovo un instabile equilibrio, o una speranza o se il tutto sfocerà in una lotta di tutti contro tutti. Quest’ultima opzione sarebbe l’errore più grosso Dobbiamo opporci e dimostrare con i fatti che è giusto e possibile ribellarsi a questo silenzio. Il governo e le istituzioni devono fare la loro parte".

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it